Home
venerdì 03 dicembre 2021
Macrolibrarsi.it presenta il LIBRO: Le Virtù Terapeutiche dei Frullati Verdi
News
Romano Baratta
Newsletter






iscriviti alla newsletter
Chiarimento su "incandescenza ti difendo!"

Con piacere notiamo che ad ogni nostra pubblicazione voi lettori interagite con la redazione commentando, chiedendo chiarimenti ulteriori o informazioni in merito ai vari articoli.

Nel caso dell'ultimo testo, “incandescenza ti difendo!”, sentiamo la necessità di fare un chiarimento ulteriore per avvalorare la nostra posizione.

 
Incandescenza ti difendo!
Ogni volta che sento o leggo notizie, come quella riportata nel video che segue, mi imbestialisco!

Per diminuire le emissioni di CO2 nell'ambiente si sente sempre dire che bisogna limitare l'utilizzo delle classiche lampade ad incandescenza a favore di lampade a fluorescenza, o come le chiamano tutti, le “risparmio energetico”. Vogliono limitare l'utilizzo delle lampade ad incandescenza in favore di altre altrettanto inquinanti per l'ambiente. Questo articolo di Giacomo Rossi fa chiarezza in merito, qui potrete capire perché le lampade fluorescenti non sono eco-compatibili.

 
Cos'è la Light Art

Editoriale 

Capita spesso di sentire gente che parla della luce in modo non idoneo o molto alla leggera. Gente che valuta installazioni di light art non per il loro reale valore culturale, estetico e tecnico ma solo per il loro valore decorativo. Ricordo a questi signori che la light art mette la luce al centro di tutto e non solo come medium. Identificare come light art interventi dove si proiettano immagini di qualsiasi natura su delle facciate di palazzi o su monumenti è errato in quanto sono semplice decoro. La luce con queste proiezioni è solo un mezzo e non protagonista. Protagonisti di questi interventi sono le immagini che vengono proiettate. La luce in questi interventi viene utilizzata come Mantegna utilizzava la tempera per dipingere il suo Cristo morto. Questo quadro non è importante perché è fatto a tempera ma per il soggetto dipinto. Mantegna riceveva le commissioni per rappresentare qualcosa e non per realizzare un qualsiasi quadro purché a tempera. I light artist veri vengono chiamati per realizzare qualcosa di innovativo e unico con la luce a prescindere da messaggi o immagini.

Se si vuole un light artist bisogna fare una cernita e non fermarsi al primo che utilizza la luce... perché bisogna valutare come la usa!

Tutti coloro che proiettano video o immagini non vanno legati a coloro che creano installazioni con la luce... non vanno inseriti nello stesso ambito perché tra loro differenti e antitetici.

Ricordo ancora una volta che la vera light art è studio e manifestazione della pura luce e non gingilli luminosi (oggettini, sculturine o altro con la luce come nel premio Targetti o come gli orrendi lavori di Marco Lodola) o proiezioni varie. Perché altrimenti anche un film proiettato su un edificio dovremmo identificarlo come un intervento di light art.

Romano Baratta (direttore)

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 Pross. > Fine >>

Risultati 157 - 160 di 227

 

Ultimi Commenti
2 a destra
terzo sinistra

cookies policy - informativa estesa